itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Soluzioni per il Decreto Ingiuntivo

Sempre più spesso ultimamente si sente parlare di Decreto Ingiuntivo. Ma di che cosa si tratta? Il decreto ingiuntivo è l'imposizione data dal giudice al debitore di rispettare l'obbligazione assunta (es. pagamento di una somma di denaro o consegna di una cosa mobile determinata) entro un specifico lasso di tempo (in genere 40 giorni).

Passato questo termine, il decreto diventa esecutivo e si può procedere al pignoramento dei beni del debitore. Il decreto ingiuntivo viene emesso su richiesta del creditore, ed ha il pregio di essere molto più veloce e assai meno costoso di un procedimento giudiziario ordinario. È disciplinato dagli articoli 633 e ss. del c.p.c. e richiede, per la sua emissione, l’esistenza di specifiche condizioni regolamentate dall’ art. 634 c.c.

Contro un decreto ingiuntivo è possibile fare opposizione nei termini previsti dal decreto stesso (normalmente 40 giorni). Quindi se vi è stato notificato un decreto ingiuntivo sappiate che potete rivolgervi a Tutela Debiti per fare opposizione, e questa deve essere proposta mediante atto di citazione (art. 645 c.p.c.) entro i termini strettamente previsti nel decreto stesso (di solito 40 giorni). Ci sono diversi motivi del perché opporsi al decreto ingiuntivo, ad esempio, se il credito non è scaduto oppure se è addirittura inesistente perché mai sorto o ancora perché già estinto a seguito di pagamento, ed altri casi ancora.

A seguito dell'opposizione, poi il giudizio si svolge secondo le norme del procedimento ordinario.

Un’altra cosa molto importante da sapere, è che anche se i termini per fare opposizione sono scaduti, possiamo comunque opporci per bloccare il Pignoramento dei beni (tipo: immobili, stipendio, conti correnti, beni mobili ecc.); e se per caso sei arrivato a noi in ritardo e sei già stato pignorato dei tuoi beni, possiamo attraverso i nostri Legali trattare con i tuoi creditori per sospendere il pignoramento.

Quindi non lascare nulla al caso e reagisci subito, chiamaci per una CONSULENZA GRATUITA da parte dei nostri legali convenzionati per capire come meglio agire per risolvere immediatamente il tuo problema.

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e contattaci , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...