itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Cancellazione Crif, Protesti e Banche Dati

Hai provato a chiedere un prestito e ti è stato bocciato perché hai una “segnalazione al crif” o come cattivo pagatore?

Probabilmente sei stato inserito in una delle banche dati dei cattivi pagatori: CRIF, CTC, Experian o dei protestati.

Prima di dare tutto per perso prova a contattarci, CHIAMA IL NUMERO VERDE 800-960496, i nostri legali ti daranno un CONSIGLIO e UN PARERE TOTALMENTE GRATUITO sulla FATTIBILITA' di una eventuale CANCELLAZIONE CRIF in regola con il “Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti“, approvato dal Garante per la protezione dei dati personali ed entrato in vigore il 01/01/2005, ed anche in ottemperanza alle Leggi vigenti riguardo la cancellazione dei protesti cambiari dal cosiddetto “Bollettino dei Protesti” conservato presso le Camere di Commercio.

Quindi chiamandoci e SENZA SPENDERE SOLDI avrai una consulenza telefonica GRATUITA che ti darà un parere di FATTIBILITA' su una eventuale CANCELLAZIONE CRIF . Fare tutto ciò ti permetterà poi di poter accedere alla riabilitazione sulle banche dati dei cattivi pagatori ( vedi cancellazione CRIF, CTC, Experian ecc.) o dal Bollettino dei Protesti, consentendo così di ripristinare la situazione precedente alla segnalazione al CRIF, e permettendoti  di tornare ad una migliore possibilità di accesso al credito.

Tutti i nostri servizi servono per ottenere un'indagine completa e dettagliata, contenente TUTTE le informazioni creditizie sul proprio nominativo per poi :

  • Richiedere la cancellazione Crif o l'aggiornamento dei propri dati presenti nelle diverse Centrale Rischi (CRIF, CTC, Experian).
  • Verificare per quale motivo e per quale segnalazione (vedi CRIF, CTC, Experian ecc.) gli Istituti hanno rifiutato un prestito o un mutuo.
  • Fare la verifica sulla propria posizione creditizia prima di richiedere qualsiasi tipo di finanziamento o mutuo, così da evitare il rischio di ricevere un rifiuto e una conseguente segnalazione nelle centrali rischi che potrebbe durare anche fino a 6 mesi.
  • Controllare la propria posizione per quanto riguarda cambiali e/o assegni protestati registrati presso le Camere di Commercio Italiane.
  • Esaminare la propria posizione presso i pubblici registri di Tribunali e Conservatorie per Fallimenti, Ipoteche e Pignoramenti.

Ora per fare qualche chiarimento sulla segnalazione al Crif e sulle altre banche dati (CTC, Experian), inseriremo una serie di domande, tra le più frequenti, che le persone ci chiedono in consulenza.

 

  • Posso essere cancellato dal Crif?

 

SI. Ci sono delle particolari motivazioni per le quali è possibile chiedere legalmente la cancellazione dal Crif, e quindi ottenere la cancellazione del dato inesatto e la sostituzione con il dato corretto/aggiornato.

 

  • Ma quando scatta la segnalazione nel CRIF?

 

Nel Sistema di Informazioni Creditizie Eurisc controllato da CRIF sono segnalate le operazioni di finanziamento richieste o erogate dalle banche o società finanziarie che partecipano al sistema. Quindi le operazioni di prestito che vengono segnalate sono: prestiti personali o al consumo, carte di credito anche revolving, leasing mobiliari ed immobiliari, mutui e fidi di conto corrente. Queste operazioni possono essere richieste da persone fisiche o imprese. La segnalazione in CRIF pertanto non avviene solamente perché vi sia un ritardo nei pagamenti, ma anche  perché è stato  richiesto oppure erogato un finanziamento.

 

  • Ogni volta che chiedo un finanziamento vengo segnalato al Crif?

 

La risposta anche se non ovvia è SI. Ognuno di noi è libero di non dare  il consenso al trattamento dei suoi dati, ma l' Istituto bancario potrebbe decidere di rifiutare la richiesta di prestito a causa della impossibilità di avere notizie ed informazioni sul cliente.  Perciò per portare avanti  una richiesta di finanziamento è necessario che il consumatore abbia prestato il proprio consenso e che quindi tutto venga segnalato nel Eurisc di CRIF. Il consenso viene di conseguenza sempre raccolto già in fase di istruttoria del prestito dai dipendenti o agenti della banca o della finanziaria.

 

  • Come funzionano le segnalazioni Negative?

 

I ritardi dei pagamenti ovvero le segnalazioni di informazioni negative non richiedono invece per la segnalazione al SIC la raccolta del consenso. Quindi, in tali casi, si è automaticamente iscritti nel SIC di CRIF senza bisogno dell’autorizzazione del cliente consumatore. Le tempistiche per essere poi cancellati dal Crif o dalle altre banche dati sono le seguenti:

 

  • Richieste di finanziamento

 

6 mesi, qualora l’istruttoria lo preveda, o 1 mese in caso di rifiuto della richiesta o rinuncia della stessa.

 

  • 2. Ritardi  fino a  due rate o due mesi poi sanati

 

12 mesi dalla regolarizzazione, sempreché nei 12 mesi i pagamenti siano stati regolari

 

  • 3. Ritardi superiori sanati anche su transazione

 

24 mesi dalla regolarizzazione, sempreché nei 24 mesi i pagamenti siano stati regolari

 

  • 4. Eventi negativi (cioè morosità, gravi inadempimenti, sofferenze) non sanati

 

36 mesi dalla data di scadenza contrattuale del rapporto o dalla data in cui è risultato necessario l’ultimo aggiornamento (in caso di successivi accordi o di altri eventi rilevanti in relazione al rimborso).

 

  • 5. Rapporti che si sono svolti positivamente ossia senza ritardi o altri eventi negativi

 

36 mesi dalla data di estinzione del finanziamento.

 

  • Che succede in caso io sia un garante di un prestito?

 

La segnalazione nei sistemi di informazione creditizia, non riguarda solo il richiedente del finanziamento ma anche tutti gli eventuali garanti o coobbligati. E' ovvio che pure questi devono aver fornito il proprio consenso al trattamento dei dati.

 

  • Vengono aggiornati i dati nel CRIF?

 

L’aggiornamento delle segnalazioni avviene di norma su base mensile. Nel caso di finanziamenti erogati, la banca o la società finanziaria invia al SIC informazioni sull’andamento dei pagamenti, importo del debito residuo e delle rate da pagare di tali finanziamenti, ecc.

 

  • In CRIF vengono segnalati i protesti di assegni o cambiali?

 

Il protesto di un assegno o di una cambiale non fà scattare nessuna segnalazione nel Crif. Quindi tutti i protesti vengono sempre pubblicati solo nel Registro Protesti delle Camere di Commercio.

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e contattaci , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...