itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Fisco, sì allo «scambio» debiti-crediti

Pagamenti alle imprese, Cassa depositi in campo. Salgono a 30 miliardi i rimborsi 2013

ROMA - Ancora ieri, in tarda serata, la bozza del decreto sui pagamenti dei debiti arretrati della pubblica amministrazione per Confindustria «non era soddisfacente». Al ministero dell'Economia invece si dicevano certi di aver risolto uno dei nodi più complessi del provvedimento: la compensazione dei crediti con i debiti tributari, previdenziali e assistenziali. Il punto era evitare un'ondata di compensazioni che andrebbero a svuotare le casse dello Stato. Per questo i debiti dovranno essere assolutamente «certi e esigibili e non contestati». Stamattina, a partire dalle 9.30, il Consiglio dei ministri dovrebbe esaminare il provvedimento.

La preoccupazione che la procedura scuota il precario equilibrio dei conti pubblici emerge anche da un'altra norma contenuta nell'ultima bozza circolante, quella che configura una sorta di «lucchetto» che il ministero dell'Economia mette all'indebitamento. Il Tesoro vigilerà sul suo andamento e, «qualora emerga il rischio di mancato raggiungimento dell'obiettivo» programmatico (rapporto deficit/Pil sotto il 3%), «può disporre con proprio decreto la rimodulazione per gli anni 2013 e 2014 delle spese autorizzate» o può prevedere «l'adozione di provvedimenti correttivi urgenti», espressione che palazzo Chigi ha diffidato dall'interpretare come una manovra correttiva.

Indiscrezioni parlano di un aumento fino a 30 miliardi, rispetto ai 20 previsti, la cifra di debiti arretrati liquidabili nel 2013. Così come voci ottimistiche insistevano nel suggerire che alla fine il governo potrebbe riservarsi, una volta effettuata quest'anno la mappatura completa dei debiti, di elevare l'anno prossimo l'attuale tetto complessivo di 40 miliardi di rimborsi, «sempre che le condizioni di contesto lo consentano», si specifica.

Per il resto ieri si è molto insistito su un nuovo ruolo che la Cassa depositi e prestiti avrebbe nei pagamenti, un ruolo di anticipatore, si è detto. Ma anche qui le precisazioni spingono a riconsiderare questa lettura, conferendo alla Cassa soltanto il compito di gestire i tre fondi che anticiperanno le somme a Regioni, enti locali e sanità: una sorta di Sgr, non di più. La liquidità necessaria sarà reperita definitivamente attraverso l'emissione di titoli di Stato. Nelle more della loro emissione potranno essere disposte anticipazioni di tesoreria presso il Mef. Quanto ai maggiori interessi sul debito, vi si farà fronte con tagli lineari alle spese dei ministeri.

Ricapitolando la scansione dei 20 (per ora) miliardi di rimborsi previsti nel 2013, ci sono i 7,5 miliardi di maggior deficit così ripartito: 5 ai Comuni come sfondamento del patto di Stabilità, 1,4 per i trasferimenti dalle Regioni agli enti locali, 600 milioni di cofinanziamento per i Fondi coesione e 500 milioni per i pagamenti arretrati dei ministeri. A questi si aggiungono per ora 2,5 miliardi per i rimborsi fiscali, soprattutto dell'Iva. Altri 10 miliardi, a valere sul debito, saranno impiegati per foraggiare i tre fondi cui attingerà chi non dispone di liquidità: due miliardi per i Comuni, tre per le Regioni (cinque l'anno prossimo) e cinque per la Sanità (nove nel 2014).

I meccanismi di restituzione delle somme anticipate dai fondi sono stati resi più cogenti dal momento che ne è saltata, almeno per le Regioni, la copertura tramite l'anticipo delle addizionali Irpef. Così le Regioni che ricorreranno al fondo dovranno mettere a punto misure anche legislative idonee e congrue di copertura annuale del rimborso, in pratica una manovra di tagli, visto che maggiori entrate non possono essere deliberate in tutta autonomia. I sindaci che liquideranno fatture in misura superiore al necessario ci rimetteranno due mensilità di stipendio. Il decreto poi rende esenti da imposte, tasse e diritti di qualsiasi tipo le cessioni dei crediti vantati verso le pa. I crediti dovranno essere certificati dalle pubbliche amministrazioni con l'uso della piattaforma informatica e la liquidazione avverrà in ordine cronologico non privilegiando i crediti ceduti pro soluto .

tratto da corriere.it

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...