itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Sedicimila famiglie veneziane non riescono più a pagare i debiti

Lieve calo per le richieste di prestiti. Aumenta, di molto, invece il rischio insolvenza. Ecco altri aspetti della crisi che colpisce le famiglie veneziane. Oltre 16 mila sono a rischio insolvenza. Negli ultimi due anni le sofferenze bancarie sono cresciute di oltre il 75 per cento.

A confermarlo è una indagine del Movimento Consumatori di Venezia che ha elaborato i dati della Banca d’Italia.

I risultati sono eloquenti: anche se nel 2012, rispetto al 2011 e al 2010, le famiglie veneziane hanno ottenuto meno soldi dalle banche (-4,1 per cento tra 2012 e 2010), le sofferenze, ovvero i prestiti che non si riesce più a restituire agli istituti di credito, sono aumentati di oltre il 75 per cento. La sofferenza media vede una esposizione di quasi mille euro. A settembre 2012 oltre sedicimila famiglie della provincia erano ad alto rischio insolvenza, contro le 8.700 del 2010 (la crescita è del 84 per cento). All’epoca le sofferenze ammontavano a 341 milioni di euro e il totale dei finanziamenti erogati ai nuclei veneziani erano di oltre 7 miliardi e 300 milioni di euro. Secondo il Movimento consumatori, «ogni mille euro prestati da banche o finanziarie alle famiglie lagunari, 46 euro non verranno ridati indietro».

Prendendo come riferimento la cifra di 21.185 euro, che è il prestito medio erogato dalle banche a ogni nucleo veneziano fino a settembre 2012, non verranno restituiti circa mille euro. «Dall’entrata dell’euro in poi», dice il presidente Lorenzo Miozzi, «la richiesta di prestiti da parte della famiglie veneziane s’è impennata, come testimoniato da una recente indagine della Cgia di Mestre, anche se negli ultimi due anni, complice la crisi e la chiusura dei rubinetti da parte delle banche, il trend s’è invertito. Quello che invece non cambia è il livello delle sofferenze, di quei prestiti, insomma, che non verranno restituiti se non con azioni coatte da parte delle banche». Dal 2007 al 2011 le sofferenze sono aumentate del 225%. «Non ci stupisce, visto che, come dimostra quest’ultima indagine, l’incremento in soli due anni è stato superiore al 75 per cento».

Dall’associazione, anche consigli pratici: «Se si hanno già prestiti e mutui, prima di richiedere un altro finanziamento è fondamentale capire bene se la nuova rata sia più o meno sostenibile». Poi non contrarre debiti per saldarne altri. L’accorgimento più importante, comunque, è quello di «usare la testa e di riflettere molto bene se il finanziamento sia davvero necessario o se piuttosto soddisfi solo una voglia passeggera».

tratto da la nuovavenezia.gelocal.it

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...