itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Debiti con il fisco: annullati fino a 2mila euro ed entro il 2000

Annullati automaticamente i debiti con il fisco fino a 2mila euro anteriori all'anno 2000. Lo prevede un emendamento dei relatori al ddl stabilità, Paolo Tancredi (Pdl) e Giovanni Legnini (Pd), presentato in commissione Bilancio al Senato. Dopo sei mesi dall'entrata in vigore della legge, secondo la proposta di modifica, «i crediti di importo fino a 2mila euro, comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, iscritti in ruoli resi esecutivi fino al 31 dicembre 1999, sono automaticamente annullati».

RICONGIUNZIONI PENSIONI GRATUITE FINO AL 30 LUGLIO 2010
Le ricongiunzioni dei contributi entro il 30 luglio 2010, per riunirli sotto un'unica gestione e ottenere una sola pensione (ad esempio per chi è passato da Inpdap all'Inps), tornano ad essere gratuite. Emerge da un emendamento dei relatori al ddl stabilità, presentato in commissione Bilancio al Senato. Dopo il luglio 2010, la possibilità di cumulare i contributi sarà possibile solo per il trattamento di vecchiaia e per chi non è già in possesso di una pensione. La copertura risulta di 32 milioni di euro per il 2013, 43 milioni per il 2014, 51 per il 2015.

EMENDAMENTO SU SISMA EMILIA
Arriva nella legge di stabilità l'emendamento sul sisma in Emilia. Legnini e Tancredi hanno infatti presentato in commissione bilancio al senato un emendamento sul terremoto dello scorso maggio che prende in considerazione anche i danni indiretti.

IMPRESE SOCIALI POSSONO DISTRIBUIRE UTILI
Le imprese sociali, ad eccezione delle Onlus, d'ora in poi potranno destinare il 50% degli utili ai soci, quando questi siano amministrazioni pubbliche o aziende private. Lo stabilisce uno degli emendamenti alla legge di stabilità presentati dai relatori in commissione Bilancio del Senato. Finora la legge imponeva alle imprese sociali di destinare gli avanzi di gestione «allo svolgimento dell'attività statutaria o ad incremento del patrimonio». L'emendamento invece stabilisce che «con eccezione delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e degli enti non commerciali, l'organizzazione che esercita un'impresa sociale destina gli utili non distribuiti a favore dei soci, e gli avanzi di gestione allo svolgimento dell'attività statutaria o ad incremento del patrimonio». I limiti riguardano la quantità degli utili da destinare ai soci (50%) nonchè il fatto che i soci beneficiari siano amministrazioni pubbliche o aziende private. Viene quindi soppresso il comma della attuale legge che imponeva alle imprese sociali di avere uno Statuto che prevedesse di non avere scopo di lucro.

tratto da l'unita.it

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...