itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Regione Calabria - Pronti i ticket regionali da 500 euro per aiutare le famiglie in crisi a pagare le spese dei bebè

L'assessore Stillitani ha illustrato due azioni previste dal "Piano emergenza famiglie": i genitori con reddito particolarmente basso potranno andare nei punti vendita convenzionati e ritirare pannolini, omogeneizzati, latte e altri prodotti fino all'esaurimento del credito. Accettate 1.391 domande su 4.607

CATANZARO – L'assessore regionale al Lavoro e alle Politiche sociali Francescantonio Stillitani ha illustrato, in conferenza stampa, due azioni integrate previste dal «Piano emergenza famiglie». Le misure riguardano il bando per l’assegnazione dei ticket per l’acquisto di beni primari per l'infanzia e quello per il sostegno alimentare per le famiglie in difficoltà. «Già da lunedì scorso - ha dichiarato l'assessore -, sono in distribuzione nei vari comuni i ticket corrispondenti ad un bonus di 500 euro per l’acquisto di prodotti per l’infanzia. Le richieste pervenute sono 4.607, quelle ammesse 1.391. Non è molto – ha evidenziato Stillitani – ma con 750 mila euro a disposizione abbiamo potuto incentivare solo un terzo delle domande. Sarà nostra cura integrare il bando per soddisfare tutte le richieste pervenute. Il bando per le famiglia in difficoltà passa invece attraverso il sostegno alle associazione e agli enti che gestiscono le mense con un contributo una tantum fino ad un massimo di 50 mila euro. Inoltre abbiamo chiesto la consegna a domicilio dei pasti per le persone sole con problemi di salute, anziani e portatori di handicap».

Nello specifico il bando per l’erogazione di ticket per l'acquisto di beni primari per l’infanzia è incentrato su azioni volte al raggiungimento di finalità relative al contrasto dell’isolamento sociale dei nuclei familiari in difficoltà attraverso interventi mirati e specifici, al sostegno di famiglie in difficoltà economiche con minori a carico e punta a promuovere eventi e iniziative utili a sensibilizzare il territorio sul tema del contrasto alla povertà e al disagio. Hanno potuto partecipare all’assegnazione del ticket i nuclei familiari calabresi nei primi 18 mesi di vita del bambino con almeno due minori a carico e con un reddito Isee non superiore a 6 mila euro e residenti nella regione Calabria da almeno tre anni. I genitori potranno recarsi in una delle farmacie, parafarmacie ed esercizi commerciali aderenti all’iniziativa munito dell’apposito ticket, per acquistare i beni primari per il proprio bambino: pannolini, omogeneizzati, latte e altri prodotti. La dotazione finanziaria prevista per questa misura è di 738.414 euro. «Il Piano emergenza famiglia – ha ricordato l’assessore Stillitani – si sviluppa attraverso cinque azioni integrate. Le altre tre, per le quali saranno a breve pubblicati i bandi, sono interventi attinenti al sostegno degli enti iscritti nell’albo regionale delle associazioni familiari di auto-mutuo aiuto, alle concessione di contributi a persone e famiglie povere con soggetti non autosufficienti a carico, alla concessione di voucher alla persona per la conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro».

tratto da ilquotidianoweb.it

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e contattaci , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...