itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Ho pagato le tasse La mia azienda è fallita

«Ho pagato le tasse
La mia azienda è fallita»

14 febbraio 2012

COMO «Io dico che se un imprenditore oggi ha il coraggio di aprire un'attività è un eroe, altro che un ladro. Magari avessi evaso le tasse io, se avessi fatto un po' di nero, magari a quest'ora la mia attività sarebbe ancora in piedi. Invece le ho pagate tutte, tutte fino all'ultimo soldo. E questo è il risultato».
Il risultato è che la ditta di Mario Arrighi è fallita. E lui, a 54 anni, dopo sei anni di attività in proprio è dovuto tornare a fare il dipendente. «E ringrazio il mio datore di lavoro, nella sfortuna sono stato fortunato ad avere trovato un nuovo impiego. D'altronde sono da trent'anni nel settore delle gomme, ma non è questo il punto». Il punto è che Arrighi sta seguendo la campagna di Monti contro i furbetti dello scontrino e quando ha letto su La Provincia l'intervista al comandante provinciale della Guardia di finanza Marco Pelliccia si è sentito chiamato in causa. Pelliccia ha detto: «Finalmente, passa il concetto che l'evasore non è un furbo, ma un delinquente. È un ladro che ruba all'intera collettività».
«Io non mi sento un ladro - dice Arrighi -. Ho visto cosa succede a seguire le regole. Io le ho seguite. Ho pagato sempre quello che dovevo pagare, non ho mai fatto alcun lavoro in nero.E sono fallito».
La storia di imprenditore di pelliccia è iniziata sei anni fa. «L'esperienza l'avevo, ho assunto due operai e ho iniziato - dice -. Intanto gli operai sono da pagare, se prendono 1.250 euro io ne devo sborsare 2500 a testa. Poi ci sono i macchinari, le bollette, devi investire se vuoi farti la clientela. Solo che non riesci a stare in piedi se paghi le tasse, sono troppo alte, ti prosciugano. Alla fine non ti resta niente. E chiudi».
Arrighi porta l'esempio della Svizzera: «Là non chiude nessuno. I primi cinque anni, però, a differenza nostra non devono pagare le tasse. Pagano un forfait. Non come qui che appena apri rientri subito negli studi di settore. Se avessi dovuto pagare anch'io un forfait, ce l'avrei fatta a decollare».

Tratto da laprovinciadicomo.it

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...