itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Mutui, non si ferma la corsa dei rincari. I tassi sfondano la soglia del 4%

Mutui, non si ferma la corsa dei rincari. I tassi sfondano la soglia del 4%

Contrarre un prestito bancario diventa sempre di più un lusso. Le banche fanno pagare ai clienti la scarsa liquidità

Pubblicato il 08/02/12
banche
l'altra faccia della crisi
Non si ferma la corsa dei mutui. I tassi di interesse sui mutui per l'acquisto di abitazioni erano al 4,26% lo scorso dicembre, rispetto al 3,98% di novembre. E' quanto emerge dal Supplemento al bollettino statistico della Banca d'Italia su 'Moneta e banche'. A dicembre 2010 i tassi erano al 3,18%.

In pratica le banche sembrano ancora a corto di liquidità e dunque la fanno pagare di più innalzando il cosiddetto spread.

Lo spread in questione è quello che le banche applicano sui tassi di riferimento dei mutui, cioè la differenza tra quanto il mutuo costa a loro e quanto costa a noi. In una parola, il ricarico della banca. Sostanzialmente le banche annullano il vantaggio che il cliente potrebbe ricavare da tassi-base ai minimi storici aumentando il loro margine. E questo vale tanto per i mutui a tasso variabile che fanno riferimento in genere all'Euribor (a 3 mesi), quanto per quelli a tasso fisso che hanno come base l'Irs (a 20 anni).

Oltre 100 euro in più al mese per un mutuo trentennale di 150mila euro

Anche le rilevazioni fatte da MutuiOnline mostrano che rispetto a 4 mesi fa gli spread sui mutui applicati dalle banche sono più che raddoppiati. A parità di importi richiesti e di durata del rimborso, chi stipula un mutuo ora ha una rata mensile sensibilmente più alta. E questo anche se l'Euribor a 3 mesi da settembre è sceso del 22% (da 1,55 a 1,21%) e l'Irs a 20 anni del 17% (da 3,12 a 2,59%).

Ad esempio, per un mutuo a tasso variabile di 150mila euro e durata 30 anni, la rata media aumenta così:
 
Tasso globale di cui: - Euribor - spread banca Rata mensile Aumento
Settembre 2011 2,95% 1,5% 1,45% € 627
Gennaio 2012 4,35% 1,2% 3,15% € 746 +119

Invece, per un mutuo di pari importo e durata a tasso fisso, la rata media aumenta così:
 
Tasso globale di cui: - Irs - spread banca Rata mensile Aumento
Settembre 2011 4,47% 3% 1,47% € 758
Gennaio 2012 5,66% 2,5% 3,1% € 866 + € 108

Queste condizioni si applicano ovviamente ai mutui stipulati ora, mentre gli spread fissati a suo tempo non vengono modificati. Però l'effetto combinato dell'aumento dei tassi e della stretta sul credito, ha fatto crollare la domanda di mutui, praticamente dimezzandola (- 41%).
tratto da virgilio.it

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...