itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Sospensione mutui, arriva la proroga per le famiglie in difficoltà

Sospensione mutui, arriva la proroga per le famiglie in difficoltà


Prorogata al 31 luglio la possibilità di presentare domande per la sospensione delle rate dei mutui: come fare

Pubblicato il 02/02/12




L’Abi ha infatti deciso di prorogare fino al 31 luglio 2012 la possibilità di presentare la domanda per la sospensione delle rate dei mutui, prevista nel "Piano Famiglia dell'Abi".
La proroga, ormai la terza, è frutto della nuova intesa firmata dall'Abi e 13 associazioni dei consumatori.
Secondo gli ultimi dati disponibili, al 30 novembre 2011 le banche hanno sospeso, in base ai precedenti accordi, oltre 55.000 mutui, pari a circa 7 miliardi di debito residuo, garantendo alle famiglie interessate una liquidità complessiva di oltre 420 milioni, pari a 7.636 euro a famiglia.

L'accordo, che risale al dicembre 2009, prevede la sospensione fino a 12 mesi dei mutui per la prima casa per le famiglie in difficoltà a seguito della crisi. Secondo le indicazioni formite dall'Abi, il mutuo (sia a tasso fisso che variabile) non deve essere superiore ai 150mila euro e dev'essere erogato a persone fisiche:

• con reddito non superiore a 40mila euro annui;
• che hanno perso il lavoro, sono entrate in cassa integrazione o sono in condizioni di non autosufficienza. Questi requisiti devono sussistere alla data del 30 giugno, cioè un mese prima della scadenza delle domande.
.
Sono inclusi anche i mutui con ritardi nei pagamenti purché non superiori a 180 giorni consecutivi.

Il cliente deve presentare l'apposito modulo di richiesta alla propria banca accompagnato dalla documentazione che attesti i requisiti necessari alla sospensione.

La banca attiva la sospensione entro 45 giorni lavorativi dall’accoglimento della richiesta del cliente. Se la banca ritiene che non ci siano i requisiti per la sospensione deve comunicarlo al cliente entro 15 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda.

Nel periodo di sospensione maturano comunque gli interessi che possono poi essere rimborsati dal cliente secondo diverse modalità, a seconda se la sospensione avvenga per la sola quota capitale o anche per la quota interessi.

L’elenco delle banche aderenti e le relative condizioni applicate è pubblicato sul sito dell’Abi.
tratto da virgilio.it

 

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...