itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Gerico conta più...

Gerico conta più delle presunzioni

Laura Ambrosi 16 gennaio 2012


In questo articolo




È illegittimo l'accertamento induttivo fondato su presunzioni semplici che si discostano dai risultati degli studi di settore, in quanto sono certamente più affidabili di altri metodi. A precisarlo è la Ctp di Bari con la sentenza n. 214/15/11.
Il Fisco aveva accertato induttivamente maggiori ricavi a carico di un contribuente per l'anno d'imposta 2005, sulla base di un maggiore indice di rotazione di magazzino. La presunzione operata traeva origine da una verifica delle giacenze effettuata dalla Guardia di finanza per l'esercizio 2008, per il quale era stato rilevato un maggior imponibile in conseguenza di una diversa determinazione delle rimanenze.
Nel rilevare che l'indice di rotazione del 2005 risultante dagli studi di settore presentati era inferiore rispetto a quello determinato per l'esercizio 2008, l'ufficio ha ricalcolato il nuovo reddito imponibile con quest'ultimo dato.
Contro l'avviso di accertamento, il contribuente ha presentato ricorso contestando la fondatezza dell'atto perché basato su presunzioni semplici che – oltre a essere prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza – erano disattese anche dal risultato stesso degli studi di settore del 2005.
Per tale periodo d'imposta, infatti, erano stati dichiarati ricavi di poco diversi dal valore di riferimento per la congruità, a conferma che i rilievi mossi dalla Guardia di finanza, riguardando un altro esercizio (2008), non potevano considerarsi idonei a rappresentare la situazione pregressa.
La Commissione tributaria provinciale di Bari ha accolto il ricorso, convalidando l'illegittimità della pretesa.
In particolare, il collegio ha evidenziato come fosse inverosimile che l'indice di rotazione di magazzino rilevato nel terzo anno successivo (2008), potesse coincidere con quello pregresso (2005), lasciando presumere «un'invarianza nell'attività economica del ricorrente» per quasi un quadriennio.
L'anomalia del risultato ottenuto con tale procedimento era ulteriormente confermata dagli stessi studi di settore presentati per l'esercizio 2005. Mostravano, infatti, un'attività pressoché congrua rispetto al dato statistico del settore di riferimento, provando così che il maggior imponibile preteso fosse eccessivo.
I giudici hanno sottolineato che il risultato degli studi di settore (tanto inferiore rispetto alla presunzione operata) avrebbe dovuto indurre l'ufficio a una maggiore attenzione nella ricostruzione induttiva dei ricavi. Pertanto, in virtù della rilevante differenza tra il maggior imponibile presunto dall'ufficio e il risultato degli studi di settore, la Ctp non ha ritenuto fondato l'accertamento, accogliendo integralmente il ricorso.

 

tratto da ilsole24ore.com

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...