itsqenfrderoes
FacebookTwitterLinkedinRSS FeedPinterest

Posso cancellarmi dalle Banche Dati?

Nel nostro sito vogliamo eliminare ogni ambiguità e rispondere a tutti i cittadini che si sono trovati di fronte a chi prometteva loro la cancellazione dei dati dai Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC).

Sono 4 le regole preziose da ricordare per quanto riguarda la cancellazione dalle Banche Dati:

1. Chiunque può richiedere la cancellazione dei finanziamenti censiti nel SIC seguendo le istruzioni riportate all'interno di questo sito.

2. Sulla base delle norme di legge, è possibile però ottenere la cancellazione solo dei finanziamenti con rimborso regolare, dai quali cioè risulta essere un buon pagatore. Tale cancellazione però non vi darà alcun beneficio in termini di maggior facilità nell'ottenere credito: considerate infatti che banche e società finanziarie valutano positivamente il fatto che il consumatore possa dimostrare attraverso il censimento nel SIC di aver ripagato o di ripagare regolarmente un finanziamento.

3. È possibile ottenere, sempre sulla base delle norme di legge, la cancellazione di un eventuale dato inesatto e la sostituzione con il dato corretto/aggiornato.

4. Uno dei casi sulla base del quale è possibile ottenere la cancellazione completa di un rapporto di credito: è il caso in cui il cittadino sia stato truffato, ossia qualcun'altro abbia ottenuto indebitamente un finanziamento a suo nome, che è poi stato registrato sul SIC. In questi casi è bene denunciare subito il fatto alle forze di polizia e inviare la richiesta di cancellazione a CRIF allegando copia della denuncia (che verrà verificata).

Ci sono poi delle particolari eccezioni per le quali è possibile chiedere la cancellazione, ne citiamo alcuni a titolo esemplificativo:

- se all’atto della concessione del finanziamento la finanziaria/banca non ha correttamente e completamente comunicato e spiegato il funzionamento delle banche dati e rilasciato relativi fogli informativi.

- se la finanziaria/banca non ha correttamente inviato l’avviso di imminente segnalazione; non è infatti sufficiente che l’avviso sia stato inviato alla persona,ma devono essere rispettate determinate regole;

- ed altri ancora...

Perciò per qualsiasi chiarimento o nel caso in cui la risposta non vi soddisfi in modo esauriente, compilate il nostro modulo per richiesta Informazioni e vi risponderemo.

Contattaci al numero verde


Non aspettare ancora e CHIAMA IL NUMERO VERDE cliccando qui 800.96.04.96 , ogni istante è importante e non puoi perderlo per pensare a cosa fare. I nostri legali ti spiegheranno GRATUITAMENTE come agire SUBITO per proteggerti oggi ed anche in futuro da imprevedibili e negativi eventi che ti possono rovinare la vita.


Noi tutti di Tutela Debiti vogliamo semplicemente aiutarti a capire gli errori che hai commesso, per poterti poi indicare come risolverli nei termini di legge, così da non trovarsi ancora in futuro con le stesse problematiche, e soprattutto, insegnarti come tutelare i tuoi beni per non correre il rischio di perdere tutte le tue proprietà faticosamente guadagnate nel corso della vita.

 

Ultima notizia

Sforbiciata a metà dei debiti. Ecco il p…

Un semplice tratto di penna che libera un consumatore dalla metà dei debiti. Un'assoluta anteprima per l'ordinamento italiano, poco conosciuta che ha visto omologato oggi a Pistoia, grazie al M.d.C...

Debiti col Fisco, uno su due paga a rate

Equitalia. «Più del 50% delle riscossioni è avvenuto tramite un dilazionamento» Gli italiani pagano a rate i debiti con il fisco, anche se di piccolo importo. Nell’anno che si è...

Anatocismo: banca condannata a risarcire…

Grande svolta in ambito di anatocismo bancario: il Tribunale di Treviso (sezione di Montebelluna, Giudice Susanna Menegazzi) con la sentenza n. 1101/13 del 10/6/13 ha condannato Banca Intesa a...

Le Iene e il tasso di usura delle banche

La Iena Luigi Pelazza ha indagato sui tassi di interesse delle banche e ha rilevato che in molti casi, sui prestiti che le banche hanno fatto in ...

Nella Legge di Stabilità 2013: possibile…

Equitalia fa un passo indietro sulle cartelle pazze; infatti saranno gli enti creditori ad occuparsi del diniego o dell’accoglimento della domanda di sgravio, alla società di riscossione rimarranno in gestione...